Pubblicato da: goccedivita | 30/01/2012

Il potere delle cinque pietre

“C’era una volta un bambino che aveva una gran paura dell’inferno così un giorno il nonno prese cinque piccole pietre le pose dentro un sacchetto di velluto rosso, lo chiuse  e glielo diede al nipotino dicendogli: “Ogni volta che la paura prenderà il sopravvento stringi forte questo sacchetto e da esso si sprigionerà un enorme potere, il potere delle cinque pietre, le quali scacceranno la paura e ti salveranno dall’inferno”. Il bambino ne fu entusiasta, amò quel regalo più di qualsiasi altra cosa al mondo e non se ne separò più. Questo sacchetto con le cinque pietre divenne così importante per lui al punto da volerlo includere come lascito nel suo testamento. Così le cinque pietre passarono da allora di generazione in generazione.”

Chi di noi non ha mai avuto bisogno ad un certo punto della vita di “cinque pietre in un sacchettino” per esorcizzare alcune delle paure più nascoste? Magari era un rito scaramantico, oppure una frase speciale ripetuta prima di un incontro importante o forse un oggetto portato addosso in eventi particolari.

L’essere umano sembra avere una profonda necessità di avere qualcosa di materiale per potersi proteggere da qualcosa di spirituale che sfugge dalla sua comprensione.

Oggetti di legno seguiti da una serie di frasi ripetute a non finire, pezzi di stoffa portati addosso con la convinzione che questo basti per sconfiggere l’Avversario.

Avete mai provato ad uccidere una zanzara con un fucile? Sarebbe ridicolo vero? Ovvio, perché ogni tipo di avversità ha la sua arma specifica ed efficace.

Un nemico materiale si sconfigge con un’arma materiale. Un nemico spirituale si sconfigge con un’arma spirituale. Sembrerebbe abbastanza ovvio, allora perché ci si ostina a rifugiarsi dietro oggetti costruiti dall’uomo stesso pensando che con essi riusciremo a distruggere il Nemico?

Dietro a questo morboso attaccarsi ad oggetti, simboli o frasi magiche credo proprio che ci sia un grande bisogno di aiuto.

“Non so – non riesco a spiegare – non conosco – non so darmi una risposta” è quello che porta a nascondersi dietro ingenue ed inutili tecniche che qualcuno (e non sempre si sa bene chi) ci ha propinato in maniera convincente. Ma queste tecniche hanno un unico effetto, l’effetto placebo, e non riusciranno  mai a risolvere il problema alla radice.

C’è ovviamente una profonda mancanza di conoscenza. Come disse Dio nel libro del profeta Osea:

” Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza” (Osea 4.6).

Non si conosce il Dio che ci ha creato e molto meno si conosce la Sua volontà ed il Suo pensiero. Eppure il grande Elohim (Dio) conosceva questa necessità assurda dell’uomo di avere qualcosa di materiale tra le mani per poter credere, per poter rassicurarsi. E Lui nella Sua immensa misericordia e, diciamolo pure, pazienza, qualcosa di materiale ce l’ha lasciato. La Sua Parola. Le Sacre Scritture. La Bibbia.

Vuoi davvero conoscere il tuo futuro? La Bibbia surclassa decisamente qualsiasi previsione astrologica.
Vuoi sapere come distruggere la paura più profonda?
Vuoi sapere qual è il miglior modo di far crescere i tuoi figli?
Vuoi una protezione completa, un’armatura contro l’inferno?

La Bibbia risponderà a tutte queste domande e tutte quelle che ti verranno in mente.

Non lasciare che l’uomo, o qualche visionario o pseudo veggente ti intrappoli in una menzogna.

Gesù disse: «Se dimorate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». (Gv 8.31-32)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: